Dr. Simona Argentieri

Breve curriculum professionale

Nata a Firenze, laureata a Roma in Medicina e Chirurgia. Membro Ordinario e Didatta dell’Associazione Italiana di Psicoanalisi e dell’International Psycho-Analitical Association.

Principali interessi scientifici nell’area dei processi mentali precoci e del rapporto mente-corpo; dello sviluppo psico-sessuale e dell’identità di genere maschile e femminile; dei processi creativi e dei rapporti tra arte e psicoanalisi, in particolare rispetto al cinema.

Accanto all’attività clinica, didattica e societaria, si dedica alla formazione degli operatori nel campo della medicina, della psicosomatica, della salute mentale, della prevenzione e dell’assistenza neo-natale a madre e bambino.

È impegnata nel campo della bioetica. Ha pubblicato estesamente, in Italia e all’estero, sia in ambito psicoanalitico, sia in ambito culturale.

È autrice e coautrice, tra le varie pubblicazioni, di Freud a Hollywood (la messa in scena della cura psicoanalitica nel cinema americano); Anna Freud, la figlia (in “Psicoanalisi al femminile”); La fatica di crescere: Anoressia-Bulimia, sintomi del malessere di un’epoca confusa; Il padre materno, da San Giuseppe ai nuovi mammi; Materia che sogna- i rapporti tra psicoanalisi e neuroscienze (in “Mente-cervello: Un falso dilemma?”); La Babele dell’inconscio- Lingua madre e lingue straniere nella dimensione psicoanalitica (cosa accade nella mente di chi parla, pensa, sogna in più lingue); Dall’’uomo nero al terrorista (Piccolo catalogo delle paure infantili). Nell’ambito del COWAP -il gruppo femminile dell’IPA- è autrice dei saggi L’incesto ieri e oggi: dal conflitto all’ambiguità; Travestitismo, transessualismo, transgende; Giocattoli erotici o piccoli perversi polimorfi? Incesto e  pedofilia.Ha curato l’edizione italiana di Freud e l’Arte. Di recente uscita L’ambiguità. Nell’ottobre 2008 le è stata conferita la Medaglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri per meriti scientifici e culturali.